fbpx

7 statistiche sulla cybersecurity che ogni PMI deve conoscere nel 2019

Di qualsiasi dimensione sia la tua Azienda, il rischio di ricevere attacchi informatici c’è e bisogna far fronte a queste minacce. Questi attacchi non  colpiscono solo Aziende di grandi dimensioni, anzi. Sono proprio le piccole imprese che subiscono ben il 58% delle violazioni di dati per via di attacchi informatici.
Vediamo allora quali sono le 7 statistiche sulla cybersecurity che ogni PMI deve conoscere nel 2019.

 

  1. 2/3 delle PMI hanno subito un attacco informatico negli ultimi 12 mesi

    Gli attacchi informatici sono aumentati così tanto che non averne ricevuto uno nel 2019 è un fatto per cui ritenersi fortunati. Infatti, questa fetta di imprese non colpite da attacchi corrisponde solo al 33% delle PMI. Ma la sola fortuna non basta a scongiurare questi attacchi, c’è bisogno di difendersi attraverso strumenti altrettanto sofisticati e sicuri per la propria PMI.

  2. Il costo di un attacco informatico può raggiungere i 3 milioni di dollari

    Il costo di un attacco informatico comprende non solo i costi del riscatto a seguito dell’attacco ma anche i costi dovuti alle interruzioni ripetute del proprio sistema informatico. Infatti un attacco può causare un periodo di inattività del sistema informatico attaccato che implica un ampio costo per l’Azienda.
    Secondo alcune stime,  il 40% delle PMI ha subito otto o più ore di inattività a causa di un attacco ai sistemi informatici. Dei 3 milioni di dollari per un attacco informatico, i tempi di inattività sono responsabili di poco più della metà (1,56 milioni di dollari) del prezzo.

  3. Il 92% circa dei malware colpisce via email

    I malware inviati tramite email possono assumere diverse forme: fatture (16% circa dei casi), avvisi consegna di pacchi (2% circa), avvisi di mancato recapito dell’email (il 13% circa) oppure mail che contengono link per aprire allegati che spesso sono file Office (92% dei casi). Una volta che il malware prende possesso dell’account della vittima, lo usa per diffondersi inviando ulteriori malware anche ai contatti della vittima attraverso il suo stesso account di posta elettronica.

  4. L’84.5% degli attacchi ransomware nella fine del 2018 è stato eseguito attraverso RDP (remote desktop protocol)

    I ransomware sono un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo infettato, richiedendo un riscatto da pagare per eliminare la limitazione. Questi, una volta raggiunto il sistema, forzano l’accesso compromesso al RDP , il quale consente agli utenti di connettersi in remoto ad altri dispositivi. Successivamente, fanno dell’account quello che vogliono. Questo rende l’infezione molto debilitante e costosa.

  5. 4 PMI su 5 riferiscono che il malware ha aggirato l’antivirus

    Più dell’80% delle PMI ha subito attacchi informatici senza che fossero rilevati e/o bloccati dal proprio software antivirus già installato. Per questo è importante scegliere con cautela i prodotti per la propria sicurezza informatica.

  6. Più di 16 mila CVE sono state emesse nel 2018

    Si tratta di “Vulnerabilità ed esposizioni comuni”, ovvero situazioni che mettono le PMI a rischio di subire attacchi informatici. Tra queste situazioni troviamo la presenza di software vulnerabili e di sistemi operativi obsoleti, mezzo con cui gli attacchi agiscono.
    Dunque è fondamentale aggiornare o migliorare i propri programmi, azione che può richiedere molto tempo se eseguita manualmente o che può essere automatizzata, garantendo alle PMI una maggiore sicurezza e tranquillità.

  7. 3 PMI su 4 non dispongono di personale adibito alla sicurezza informatica

    Un numero molto elevato di PMI non dispone di personale che riesca a gestire strumenti e processi di sicurezza informatica nonostante la disponibilità economica, e questo mette molto a rischio tutte le PMI in questa situazione. Quindi, ciò che manca è anche conoscenza e competenza in materia di sicurezza informatica.

 

Date queste statistiche, il primo passo per migliorare la propria PMI è rendersi conto dell’importanza della sicurezza informatica. Successivamente, è bene cominciare a compiere piccoli passi per prevenire il rischio di attacchi informatici ed evitare costi salati.
Noi di HM Cybersecurity ci occupiamo di valutare quanto è cybersicura la tua PMI e ci impegniamo ad offrirti le misure e gli strumenti per renderla sicura contro possibili attacchi, proteggendo i tuoi sistemi informatici e i dati in essi presenti.

 

Serve anche a te?
Pensi che la tua azienda ne abbia bisogno?

 

Lasciaci un tuo recapito. Provvederemo entro 24 ore a ricontattarti.

 


Il consenso al trattamento dei dati personali per la finalità 1 riportata nell'informativa.
PrestoNego
Il consenso al trattamento dei dati personali per la finalità 2 riportata nell'informativa.
PrestoNego
Il consenso al trattamento dei dati personali per la finalità 3 riportata nell'informativa.
PrestoNego








error: Content is protected !!